Ultima modifica: 21 Febbraio 2020
ICS "Marco D'Oggiono" di Oggiono > Stop Skullbreaker Challenge

Stop Skullbreaker Challenge

Articolo pubblicato il 20.02.2020  sul sito “Commissariato di P.S. online – Sportello per la sicurezza degli utenti del web”

Si trasmette integralmente per opportuna conoscenza di tutti gli insegnanti, genitori ed alunni, la notizia pubblicata il 20.02.2020 sul sito “Commissariato di P.S. online – Sportello per la sicurezza degli utenti del web”

 

STOP SKULLBREAKER CHALLENGE: Da qualche giorno circolano in rete video allarmanti su una nuova “challenge” in cui due ragazzi affiancano un terzo e mentre questo salta, gli altri fanno uno sgambetto che determina la caduta violenta del malcapitato. Si tratta di un comportamento sbagliato e molto pericoloso: la mancanza improvvisa di appoggio mentre si salta comporta necessariamente una caduta senza controllo che può determinare lesioni anche gravissime come fratture di arti, svenimenti ed ematomi cerebrali.
Per i ragazzi:
• Non lasciarti coinvolgere in questa sfida ma proteggi te stesso e gli altri: indurre qualcuno a saltare per fargli lo sgambetto non è una sfida ma una cattiveria molto pericolosa.
• Far cadere qualcuno mentre salta può determinare danni fisici importanti e la commissione del reato di lesioni anche se non hai ancora 18 anni: non è uno scherzo!
• Se sei a conoscenza o vedi qualche coetaneo che intende partecipare alla skullbreaker challenge cerca di dissuaderlo e parlane immediatamente con un adulto di riferimento: sii responsabile ed evita che qualcuno si faccia male davvero!
• Se hai ricevuto video che riguardano ragazzi tuoi conoscenti vittime di questa sfida parlane con un adulto o segnala subito a www.commissariatodips.it
Per i genitori:
• Parlate ai ragazzi di questa sfida in modo da evitare che possano cadere nello scherzo e saltare affiancati da coetanei cadendo violentemente;
• Riferite ai ragazzi che chi procura la caduta di coetanei può determinare grave ferimento e/o essere incriminato per lesioni in danno delle vittime;
• Se i vostri figli ricevono da coetanei video riguardanti la sfida segnalateli a www.commissariatodips.it;
• Sorvegliate sempre attentamente il comportamento online dei vostri figli e create un’abitudine familiare a parlare dei rischi di internet e delle strategie utili ad evitarli: leggi i nostri consigli su www.commissariatodips.it




I cookies ci aiutano a migliorare il sito. Questo sito utilizza cookies tecnici ed analitici ed utilizzandolo accetti i cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi