Ultima modifica: 8 Settembre 2020
ICS "Marco D'Oggiono" di Oggiono > Circ. alunni n. 3 – Informativa sul protocollo di sicurezza da rispettare da parte delle famiglie e le misure specifiche aggiuntive per la scuola dell’infanzia

Circ. alunni n. 3 – Informativa sul protocollo di sicurezza da rispettare da parte delle famiglie e le misure specifiche aggiuntive per la scuola dell’infanzia

Sicurezza: misure specifiche aggiuntive scuola dell’infanzia.

stemma_repubblica

Istituto Comprensivo Oggiono
Via V. Veneto, 2 – 23848 Oggiono

Posta Elettronica: lcic82100a@istruzione.it
Posta Elettronica Certificata: lcic82100a@pec.istruzione.it

 

Circ. alunni n. 3                                                                                                   Oggiono, 06/09/2020

 

Ai genitori

Ai docenti

Al DSGA

ALBO

SITO WEB

ATTI

 

OGGETTO: Informativa sul protocollo di sicurezza da rispettare da parte delle famiglie e le misure specifiche aggiuntive per la scuola dell’infanzia.

 

Come è noto le condizioni di ripartenza dell’anno scolastico presentano ancora elevati scenari di pericolosità per la circolazione del virus. Va sottolineato che tutte le misure prescritte e raccomandate dall’ISS dell’OMS e dal Ministero della Salute possono ridurre il rischio di trasmissione in ambito scolastico, ma non possono azzerarlo.

Il rapporto tra la scuola e la famiglia, pertanto, gioca un ruolo fondamentale per la corresponsabilità educativa che condividono, al fine di garantire il rispetto delle previste condizioni di sicurezza. Tanto più appare necessario stringere un patto tra tutti gli attori coinvolti per ridurre al massimo possibile le situazioni di rischiosità.  La situazione costringe tutti a comportamenti conformi e “sociali”, nel senso di responsabili e consapevoli.

Tale collaborazione risulta essere il primo fronte della tutela e della sicurezza non solo della famiglia ma di tutta la salute pubblica. Diviene, pertanto, fondamentale evitare che piccoli egoismi familiari possano inficiare i sacrifici dell’intera comunità scolastica.

Questa responsabilità si traduce in una attenzione particolare che comincia subito nel caso in cui si avvertano i sintomi compatibili con la COVID-19. Si rimanda a questo proposito a quanto prescritto nel Piano Scuola 2020-2021, giusti gli allegati Verbali del CTS, in cui si specifica che “la precondizione per la presenza a scuola di studenti e di tutto il personale a vario titolo operante è:

  1. l’assenza di sintomatologia respiratoria o di temperatura corporea superiore a 37.5°C anche nei tre giorni precedenti;
  2. non essere stati in quarantena o isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni;
  3. non essere stati a contatto con persone positive, per quanto di propria conoscenza, negli ultimi 14 giorni.

Chiunque ha sintomatologia respiratoria o temperatura corporea superiore a 37.5°C dovrà restare a casa. L’osservanza dei tre punti sopra riportati pertinenti allo stato di salute proprio o dei minori affidati alla responsabilità genitoriale, pertanto, è rimandata alla responsabilità individuale, con i conseguenti risvolti anche di carattere penale.

Si ricorda che i sintomi più comuni di COVID-19 nei bambini sono i seguenti: febbre, tosse, cefalea, sintomi gastrointestinali (nausea/vomito, diarrea), faringodinia, dispnea, mialgie, rinorrea/congestione nasale; mentre i sintomi più comuni nella popolazione generale sono i seguenti: febbre, brividi, tosse, difficoltà respiratorie, perdita improvvisa dell’olfatto (anosmia) o diminuzione dell’olfatto (iposmia), perdita del gusto (ageusia) o alterazione del gusto (disgeusia), rinorrea/congestione nasale, faringodinia, diarrea.

Le famiglie sono tenute a collaborare altresì nelle seguenti modalità:

❏ nel contattare il proprio medico curante (Pediatra di Libera Scelta o Medico di Medicina Generale) in caso di sintomatologia e/o temperatura corporea superiore a 37,5°C, per le operatività connesse alla valutazione clinica e all’eventuale prescrizione del tampone nasofaringeo;

❏ nell’inviare tempestiva comunicazione di eventuali assenze per motivi sanitari in modo da rilevare eventuali cluster di assenze nella stessa classe;

❏ nel comunicare immediatamente al dirigente scolastico e al referente scolastico per COVID-19 nel caso in cui un alunno risultasse contatto stretto di un caso confermato COVID-19.

In accordo con le indicazioni dell’OMS e del CTS, al fine di affrontare socialmente queste questioni, si raccomandano fortemente due strategie preventive:

  1. Installazione dell’APP “Immuni” sui dispositivi mobili personali di ogni singolo componente ultraquattrodicenne della famiglia. In questo modo il nucleo familiare sarà avvisato di possibili esposizioni e si avrà uno strumento valido di prevenzione attiva.
  2. Sottoporsi al vaccino anti-influenzale al fine di limitare la possibile confusione sintomatologica tra un’influenza “normale/stagionale” dal contagio del Covid-19, limitando i falsi allarmi.

Per quanto riguarda la scuola dell’infanzia, l’Ordinanza della Regione Lombardia n. 596 del 13 agosto 2020 recante “Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da covid-19 – ordinanza ai sensi dell’art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica, dell’art. 3 del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19 e dell’art. 1 comma 16 del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33”, raccomanda fortemente la rilevazione della temperatura nei confronti del personale a vario titolo operante, dei genitori/adulti accompagnatori e dei bambini, prima dell’accesso alla sede dei servizi educativi e delle scuole dell’infanzia.

Si informano, pertanto, le famiglie che, per una ulteriore prudenza, la temperatura dei bambini verrà rilevata dal personale scolastico all’ingresso: in caso di temperatura superiore ai 37.5 °C per il minore non sarà consentito l’accesso alla sede e il genitore/accompagnatore sarà informato della necessità di contattare il medico curante proprio o del bambino.

È vietato portare oggetti o giochi da casa.

Nel rispetto dei protocolli e delle misure di sicurezza, sarà garantita una organizzazione dei diversi momenti della giornata educativa serena e rispettosa delle modalità tipiche dello sviluppo infantile, per cui i bambini saranno messi nelle condizioni di potersi esprimere con naturalezza e senza costrizioni, così come previsto dal Piano Scuola 2020/2021. La relazione tra i bambini e gli adulti è la condizione per conferire senso alla frequenza di una struttura educativa per piccoli, che si caratterizza come esperienza sociale ad alta intensità affettiva. L’empatia e l’arte di incoraggiare sono tra le attitudini fondamentali di chi esercita il ruolo di educatore e di insegante, tanto più importanti in occasione di situazioni di emergenza come quelle che stiamo vivendo, ove alla scuola viene richiesto di esercitare un ruolo di rassicurazione e di costruzione di fiducia. Le attività educative consentiranno la libera manifestazione del gioco del bambino, l’osservazione e l’esplorazione dell’ambiente naturale all’esterno, l’utilizzo di giocattoli, materiali, costruzioni, oggetti, non portati da casa e frequentemente igienizzati, nelle diverse forme già in uso presso i due plessi della scuola.

Seguiranno l’integrazione del Regolamento d’Istituto con norme Anti Covid – 19 nonché l’aggiornamento del Patto Educativo di Corresponsabilità.

 

prof.ssa Filomena Colella

(Firma autografa sostituita a mezzo stampa

ex art. 3 c. 2 Dlgs. N. 39/93)




I cookies ci aiutano a migliorare il sito. Questo sito utilizza cookies tecnici ed analitici ed utilizzandolo accetti i cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi